Quanto potrebbe costare un giro in macchina con un Agente Immobiliare?

Postato da R.M.:

Sono stato a fare un giro con la mia automobile, per circa 30 minuti, con un agente immobiliare ed un suo collega, che mi hanno mostrato (senza scendere dall’auto) vari palazzi in costruzione.

Non gli ho conferito nessun incarico
.

La settimana dopo ho ripetuto il giro autonomamente con mia moglie e con Lei abbiamo deciso di acquistare un appartamento in uno dei palazzi visti, dove davanti c’è il nome e numero di tel del costruttore che tra l’altro già conoscevo.

Devo compensi all’agente immobiliare che di fatto NON mi ha messo in contatto con il costruttore?

Ringrazio per una cortese risposta

Comments

  1. Realtor says:

    Per dare una risposta alle sue domande bisognerebbe sapere alcune cose:
    1) Il giro in macchina con gli agenti immobiliari è stato fatto perchè Lei ha chiesto loro di mostrarle delle nuove costruzioni oppure eravate andati a fare una gita di piacere ?
    2) Nel caso il giro in macchina fosse stato appositamente da Lei richiesto al fine di comprare tali immobili, perchè non si è più rivolto agli agenti? C’è stato qualche motivo ?

    X essere esremamente chiari, se Lei va da Roma a Milano in macchina con un agente immobiliare, non è che questo autorizzi l’agente immobilare a vantare provvigioni nei suoi confronti nel caso lei compri una casa a Parma.

    Se però dietro una Sua richiesta, l’agente le fa vedere degli immobili e poi lei per caso li visita con sua moglie e poi ancora per caso li acquista, personalmente nutrirei dei dubbi circa tale casualità.

    Il fatto che non vi sia nulla di scritto, non modifica la sostanza.

    Poi se Lei era invece in gita di piacere con gli agenti immobiliari, non penso possano vantare pretese.

    Qui l’unico che sa come stanno le cose è Lei e quindi solo Lei può fornire la risposta.

  2. Nessuno says:

    >Se però dietro una Sua richiesta, l’agente le fa vedere >degli immobili e poi lei per caso li visita con sua >moglie e poi ancora per caso li acquista, personalmente >nutrirei dei dubbi circa tale casualità.

    Altro che casualità…. qui c’è piuttosto causalità! Il che ribalta in favore dell’ AI il buon diritto alle provvigioni!
    Malafede. Punto.

  3. carlo hammer says:

    debbo dire che certi post finto-ingenui dei clienti che accedono a qs blog mi fanno di molto rivalutare la terribile genia degli AI ;)

  4. bibi says:

    leggere post come questo mi fa venire un nervoso …
    soprattutto di domenica mattina mentre sono al lavoro
    (che per r.m. coinciderà più o meno con un passatempo o un hobby magari un pò costoso).

  5. mah… ho deciso di non commentare questo post.

    Auguro a R.M. ed a tutti voi una serena domenica.

  6. fumagalli says:

    mi associo a quanto scritto dai colleghi…. no comment… buona domenica a tutti….;)

  7. seroli says:

    @R.M: siamo A.I. non stupidi….. se ha sufficienti neuroni allora conosce gia’ la risposta alla sua ingenua domanda.

  8. gito67 says:

    Caro R.M. fossi in lei, vista la situazione, chiederei pure il rimborso per la benzina che ha consumato nella gita!!! :-(

  9. giovanni65 says:

    Purtroppo clienti che come lei casualmente hanno a che fare con gli agenti immobiliari e, casualmente per caso si rivolgono direttamente al venditore, e casualmente definiscono, casualmente si ritrovano in tribunale a pagare (casualmente) la relativa mediazione oltre agli onorari (casualmente) degli avvocati.

    Cosa dire, la buona fede è in via di estinzione.

    L’unica cosa che posso dire e che se non ha, o aveva, di avvalersi (e pagare) una prestazione perchè vi rivolgete agli agenti immobiliari?

    Non pagare il lavoro altrui per me corrisponde a rubare.

  10. caviapp57 says:

    Troppe casualità:
    giro con l’agente, giro con la moglie e finale con il costruttore.
    un vecchio e saggio detto recita: “la prima volta è un caso, la seconda una coincidenza, la terza premeditazione”.

  11. Pierluigi Treddenti says:

    …..la cosa pazzesca è che vengono su un blog di agenti immobiliari a chiedere come fregarci. Ma un po’ di pudore no eh? Certe volte mi chiedo se non fanno bene i miei colleghi che danno fregature a destra e a manca visto questi personaggi che vanno in giro……………..

  12. Il problema, ripeto, sta nel fatto che non sanno cosa serve e quali siano i diritti di un Agente Immobiliare.

    Altri invece lo saprebbero ma cercano appunto di limitare l’uso dell’Ai alla conoscenza dell’immobile per poi scavalcarlo, convinti di risparmiare ( e in alcuni casi è vero ).

    Il problema a parere mio è che ci sono interessi forti che vogliono cercare di indebolire il livello “basso” dei servizi per poterlo “industrializzare”.

    Non potendo controllare l’AI di strada, che è quello che tiene in mano il mercato davvero per il suo contatto con la gente, cerca di sminuirne la figura togliendoli autorevolezza e rendendone difficoltosa l’attività, il tutto condito con la totale assenza di diritto certo e di una regolamentazione chiara, anche per gli obblighi (leggasi politici che comprano il popolo con leggi stupide ma popolari).

    Visti i presupposti, la categoria ha una sola strada per difendersi: provvedere all’auto regolamentazione e alla promozione di se stessa nell’opinione pubblica, insieme a una revisione profonda e alla presa di distanza da comportamenti altrettanto anomali, tenuti da alcuni AI o gruppi di AI.

  13. Pierluigi Treddenti says:

    Scusa Roberto ma se uno segue una logica, lo capisce da solo che chiunque (non solo un agente immobiliare) non ha interesse a fare il “cicerone” in orario di lavoro, a meno che la moglie del signore sia la Bellucci.

  14. Pierluigi, io parto sempre dalla buona fede (ma non sono ingenuo) per cercare di dare una possibilità costruttiva al dialogo.

    Il punto però va visto anche nell’ottica del cliente che, non conoscendo l’attività e il mazzo che ci facciamo pensa:

    “ma tu guarda questo, mi porta a vedere una casa e guadagna migliaia di euro, chissà quanti soldi fa sto str*zo, ma ora prendo il nome del proprietario e poi mi metto daccordo da me, così la sistemo io ‘sta sanguisuga”.

    Se invece chiama un qualsiasi altro professionista o artigiano dice sempre che sono “sanguisughe” ma poi li paga.

    Sai perchè?

    Perchè riconosce a questi “altri mestieri” delle capacità che lui non ha.

    Capacità che non riconosce nell’AI.

    Quindi, perchè non fargli conoscere cosa fa e come vive un AI?

    Ecco una utilità del blog.

    Infatti Mary (altro post, altra cliente che non conosceva motivi validi per pagare un AI) si è resa conto che l’AI non è proprio così “privilegiato” come pensava, specie dopo aver letto il wiki.

  15. Carew says:

    Certo che la nostra categoria fa proprio ridere, fra un pò cominceranno a fare libri zeppi di barzellette su di noi anzichè sull’Inter.
    Invece di scannarci a vicenda (belli contro brutti, franchising contro indipendenti, bassi contro alti…) dovremmo seguire l’esempio di altre categorie come notai, avvocati, medici, geometri, ecc.
    Qui servono leggi atte a tutelare il nostro operato ma visto che a Roma se ne fregano di noi preferiscono adottare la strategia divide et imperat.
    Mai come in questo periodo trovo situazioni analoghe dove i clienti addiritura premeditano tecniche per scavalcarci.
    Io mi chiedo: ma se non volete pagarci per quale arcano motivo venite a romperci le scatole facendoci perdere tempo e denaro?!?!?!

  16. Carew says:

    Roberto,
    non riusciremo mai a far capire ai clienti a prescindere qual’è il nostro operato.
    Mai sentito qualcuno lamentarsi di 300 euro pagati ad un avvocato per scrivere “solamente” una lettera?
    Questa è una mentalità troppo radicata nella gente, l’unica via da perseguire è quella della tutela normativa.

  17. Io sono convinto del contrario, non sono così prevenuto (anche se ne abbiamo motivo, lo ammetto).

    La mentalità Italiota c’è, è innegabile, ma sta soccombendo a una mentalità più “avanzata”: “scelgo consapevolmente e pago.”

    Questa corrente va alimentata con l’apertura mentale anche degli operatori che devono smettere di costruire fossati e barricate e ponti levatoi che una volta entrato non esci…

  18. Robin says:

    Le riconosco la gentilezza nel porre il suo dubbio; ma non le viene in mente che quel giorno poteva recarsi a far un giro in macchina direttamente con sua moglie senza prima passar da un Agente immobiliare ? probabilmente questo non era nel suo studio per caso e sempre per un caso fortuito è salito sulla sua macchina per farle da navigatore nel tour “Cantieri” ! probabilmente è ancora lì a sua disposizione se Lei sempre gentilmente lo va’ ancor a trovare, e se son rose …..

Speak Your Mind

*