In Italia l’11% delle case sono in Classe A. Peccato che siano tutte a Bolzano

certificazione energeticaLegambiente ha analizzato 100 edifici sparsi in ben 15 capoluoghi italiani e solo 11 sono stati giudicati ecosostenibili, perché in classe A.

Si tratta di un dato basso che già di per sé dovrebbe far riflettere. Purtroppo, a rendere questo dato ancor più emblematico c’è il fatto che questi 11 edifici promossi da Legambiente sono tutti di Bolzano.Cosa hanno fatto i tecnici dell’associazione ambientalista? Hanno visitato e analizzato 100 edifici, (sia residenziali, sia business), costruiti negli ultimi 10 anni, utilizzando anche apparecchiature tecnologicamente avanzate quali le termofoto. Questa tecnica è in grado di “fotografare” le caratteristiche energetiche e termiche dei materiali utilizzati nelle costruzioni: pareti, rivestimenti, infissi e altro. Proprio grazie alle termofoto i tecnici Legambiente hanno individuato 11 edifici altoatesini che hanno meritato la “Classe A” di certificazione energetica. Ricordiamo che una casa in Classe A garantisce a chi vi abita un comfort elevato e un risparmio economico sia in inverno, sia in estate. Il risparmio può essere anche di un terzo rispetto alla normale spesa per il riscaldamento e il raffrescamento: tra i 200 e i 500 euro all’anno.

È importante sottolineare che gli immobili presi in considerazione sono tutti recenti. Tutti costruiti negli anni del boom del mercato immobiliare e del rincaro dei prezzi di vendita. Costruire in classe A è più costoso ma parliamo di un modesto 5-10% in più rispetto a un normale edificio. A fronte di questo modesto incremento di costi di costruzioni i vantaggi per i proprietari sono enormi. Infatti, una casa in classe A ha bisogno di circa 30 kwh/mq per il riscaldamento. Una casa in classe C sale a 70 kwh/mq e si arriva fino ai 120 kwh/mq delle case in classe E. La maggior parte delle case italiane. Bolzano esclusa.

 

Antonio Rainò per Immobiliare.com

Trackbacks

  1. [...] Articoli correlati: confronto Italia-USA; ecosostenibilità e mercato immobiliare italiano. [...]

Speak Your Mind

*