Franchising immobiliare: l’evoluzione della specie

                                                                                                                                                                                                                                                Il Franchising è una formula commerciale molto nota. Secondo Wikipedia si tratta di una formula di collaborazione tra imprenditori per la distribuzione di servizi e/o beni, indicata per chi vuole avviare una nuova impresa ma non vuole partire da zero, e preferisce affiliare la propria impresa ad un marchio già affermato. Il franchising è infatti un accordo di collaborazione che vede da una parte un’azienda con una formula commerciale consolidata (affiliante, o franchisor) e dall’altra una società o una persona fisica (affiliato, o franchisee) che aderisce a questa formula.

Grande successo e seguito ha avuto il franchising anche in ambito immobiliare. Sono circa 7.000 le agenzie immobiliari “federate” in Italia, quasi il 16% del totale: numeri importanti.

Una formula di successo non può però essere replicata all’infinito: il mercato sta evolvendo, gli operatori anche e le tradizionali categorie di “franchising” e “affiliazione” sono sempre più integrate da proposte e contenuti innovativi.

Senza dimenticare il principio, che è quello della fornitura di servizi in cambio di una fee.

Citiamo oggi 3 esempi, che sono la punta dell’iceberg e denotano un cambiamento in atto. Cambiamento sotterraneo ma che sicuramente investirà sempre più una formula commerciale che spesso segna un pò il passo nelle sue realizzazioni più “tradizionali” e non aggiornate.

Partiamo da Frimm, la creatura di Roberto Barbato. Secondo Frimm, il mero franchising, infatti, non è più sufficiente: il mercato del real estate vuole oggi una proposta variegata e diversificata che non sia per forza legata a un brand. Per questo Frimm si sta evolvendo in un vero e proprio network di servizi per il settore del mattone, tramite il quale agenti immobiliari e mediatori creditizi potranno coglierne tutte le opportunità, sia che si tratti della vendita o dell’acquisto di una casa sia che si tratti, ad esempio, di una richiesta per la certificazione energetica degli edifici.

A partire da febbraio 2011, Frimm offre agli operatori 3 diversi pacchetti di servizi e strumenti: Basic, Advanced e Professional. Chi sceglie i primi 2 pacchetti rimarrà completamente indipendente (il brand Frimm fa parte esclusivamente del pacchetto Pro). Il Basic è gratuito e principalmente permette agli agenti immobiliari di collaborare nella vendita di cantieri e frazionamenti acquisiti da Frimm attraverso una versione base del MLS.

L’Advanced, invece, offre il Multiple Listing Service (MLS) completo con tanto di software gestionale, formazione, supporto tecnico e la possibilità di interagire con tutti i settori della Holding, compreso quello energetico.  Il Professional è invece la proposta completa che permette agli agenti immobiliari di aderire in tutto e per tutto al network Frimm.

Anche Fondocasa, gruppo basato in Liguria ma presente ormai in diverse regioni italiane, si è evoluta modificando addirittura il proprio logo, in cui campeggia ormai la scritta “consulenti immobiliari“. Consulenti in grado quindi di andare oltre la figura vetusta e stantia dell’agente in stile “sensale”, ma di offire un supporto puntuale per tutte le questioni riguardanti l’universo-casa.

Novità anche sul fronte dei cosiddetti “contratti”: per lo sviluppo interno, nel caso di apertura di un secondo ufficio da parte dello stesso titolare anche in compartecipazione, Fondocasa abbatte del 50% le royalties per il primo anno sul secondo ufficio. Nel caso invece di consulenti “free lance” o agenzie “non federate” Fondocasa ha lanciato il “contratto di prova” tramite il quale un’agenzia non facente parte del network Fondocasa può saggiare per un anno i servizi del Gruppo senza versare alcuna royalty. Al termine dei 12 mesi – se non soddisfatto – il professionista è libero di seguire il suo percorso professionale senza nessun vincolo contrattuale.

Anche UNIRE punta molto sul concetto di consulente immobiliare. UNIRE cerca di valorizzare l’Agente immobiliare rendendolo un Consulente Globale, protagonista riconosciuto e richiesto dal mercato. Cambia quindi l’attitudine, ed anche la gestione della zona: il professionista UNIRE non ha restrizioni territoriali nè limiti alla ricerca delle migliori opportunità. Si pone come un sistema “libero” in grado di massimizzare la forza e la bravura del singolo operatore, abbinandolo alla forza del Gruppo.

Tutti segnali del nuovo che avanza. Da non trascurare!..

Speak Your Mind

*